Milano, 03 aprile 2008 – In un contesto primaverile assolutamente "american style" presso la sede italiana di Sun Microsystem in viale Fulvio Testi, a Milano, si è svolta la tappa italiana del "MeetUp MeshUp World Tour", organizzato da Sun Microsystem per incontrare gli sviluppatori e le community legate ai prodotti Sun e alla neo–acquisita MySQL.

Ai primi di gennaio, infatti, Sun ha deciso di investire un milione di dollari per acquistare MySQL e rafforzare la propria (già dominante) posizione all'interno del mondo dell'Open Source: già perchè Sun Microsystem è, in termini di numero di righe di codice sorgente rilasciato, la più importante realtà al mondo nel settore dell'Open Source (basti pensare a OpenOffice o a NetBeans). A riprova della compatibilità non solo di intenti ma anche di strutture delle due realtà in questione, nell'arco di poco più di due mesi – assicura Giuseppe Maxia, Community Team Leader di MySQL e da tre giorni dipendente Sun, anche lui intervenuto all'incontro – la fusione è praticamente già completata.

Meetup Meshup Sun Mysql

Scopo annunciato dell'incontro è la comunicazione agli utenti delle novità che l'acquisizione di MySQL da parte di Sun garantirà sul piano del miglioramento dei prodotti e della compatibilità per tutti i sistemi operativi, nonché la promessa di continuare a sviluppare i propri progetti, in linea con l'atteggiamento di entrambe le società, nell'ottica della scalabilità e con un occhio di riguardo per le richieste che sorgono dalle community stesse.

Sun Microsystem, nelle parole del primo relatore dell'incontro Franco Romano – direttore marketing di Sun Microsystem Italia – intende infatti offrire un intero package di proposte dedicate a chi deve creare piattaforme sul web producendo programmi sempre più coordinati fra loro e competitivi a livello di performance, senza però inibire l'utilizzo di applicativi concorrenti ma anzi sostenendo l'intercambiabilità fra diversi software che svolgono la medesima funzione.

Kaj Arnö, ambasciatore di MySQL in Sun e secondo relatore dell'incontro, ha sottolineato come la fusione fra le due realtà sia figlia di un atteggiamento mentale molto simile ma di mercati di customer completamente differenti e che ciò garantirà agli utenti ulteriori benefici poiché Sun consente a MySQL di avere delle risorse da investire altrimenti impensabili senza interferire negli orientamenti dell'azienda.

Meetup Meshup Sun MySQL

Giuseppe Maxia, Community Team Leader per MySQL da tre giorni dipendente Sun e terzo relatore, ha sottolineato le caratteristiche peculiari di MySQL affermando che esso "è il database più diffuso al mondo perché è il più utilizzato in rete, ed è il più utilizzato in rete perché è facile da installare e da usare oltre ad essere stato ampiamente testato".
La sua forza, in breve, è l'essere una applicazione aperta:

  • gli impiegati di MySQL lavorano da casa e questo, oltre a consentire una migliore qualità della vita che inevitabilmente si riflette sulla qualità del lavoro svolto, consente all'azienda di selezionare i migliori programmatori al mondo indipendentemente da dove essi vivano;
  • MySQL gode di una vastissima community che scrive articoli, si confronta sui forum, tiene dei blog sugli argomenti più disparati e si incontra alle conferenze (come in questo caso, n.d.r.) oltre a fornire lezioni on line in streaming presso la MySQL University;
  • MySQL è un database aperto anche tecnicamente poiché può comunicare tramite delle librerie apposite sia con linguaggi di programmazione della famiglia C/C#, Perl, PHP, Python e ODBC, sia con linguaggio Java sia con linguaggio .NET della famiglia Microsoft;
  • MySQL può operare su qualsiasi sistema operativo e (in caso di emergenza scalabilità) fornisce una utile funzione di "replication" per gestire grandi quantità di connessioni, oltre a poter utilizzare diversi motori di gestione dello spazio come MyISAM o InnoDB.

L'acquisizione da parte di Sun, in questo senso, spinge MySQL a continuare sulla strada dell'innovazione e in particolare ad integrarsi sempre meglio con i prodotti Sun Microsystem, a tutto vantaggio degli utenti di entrambe le realtà.

Stefano De Toni – Sun Senior Technical Specialist e ultimo relatore intervenuto – ha infine illustrato la proposta di Sun Mycrosystem relativamente al pacchetto Glassfish/MySQL/NetBeans e alle funzionalità specificamente pensate per gli sviluppatori.

Unico neo della giornata, certamente non imputabile né a Sun Microsystem né a MySQL, è stata la scarsissima presenza femminile: sei le donne in sala, a conferma di una tendenza che non fa onore al nostro paese nonostante importanti aziende, operanti nel settore dell'ICT, stiano manifestando l'esigenza di integrare i team di sviluppatori con una maggiore presenza femminile.
Atlan66, essendo una realtà integralmente femminile, segna una inversione di tendenza in questo senso e si propone di formare donne per avviarle alla carriera dell'ICT, oltre a fornire già ai propri clienti tutta una serie di servizi basati su prodotti Open Source e tecnologia Java/J2EE: non esitate a contattarci.

Su questo sito utilizziamo esclusivamente cookie tecnici e destinati all'analisi statistica. Cliccando sul pulsante "OK, procediamo", presti il consenso all’uso dei cookie secondo le nostre policy.